Antonio Citterio

Antonio Citterio

Antonio Citterio 1024 576 admin

Antonio Citterio.  La sua storia.

Antonio Citterio nasce a Meda (Milano) nel 1950, apre il proprio studio di progettazione nel 1972 e si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1975. Fra il 1987 e il 1996 è associato a Terry Dwan; insieme realizzano edifici in Europa e Giappone.

Nel 2000 fonda, con Patricia Viel, una società di progettazione, attiva a livello internazionale, che sviluppa programmi progettuali complessi, ad ogni scala ed in sinergia con un network qualificato di consulenze specialistiche. Lo studio ha oggi assunto il nome di “Antonio Citterio Patricia Viel”. Nel settore del disegno industriale Antonio Citterio collabora con numerose aziende italiane e straniere. Nel 1987 e nel 1994 è stato premiato con il Compasso d’Oro-ADI. Dal 2006 al 2016 è docente di progettazione architettonica presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio (Svizzera). Nel 2008 riceve dalla Royal Society for the encouragement of Arts, Manufactures & Commerce di Londra l’onorificenza “Royal Designer for Industry”.

Antonio Citterio è art director di Maxalto, Arclinea e Azucena.

ITALIA. ARCLINEA.

Italia è la cucina professionale per l’ambiente domestico, perfetta per chi vuole in casa le prestazioni della cucina di un ristorante. L’acciaio è il materiale protagonista: duttile, igienico, indistruttibile. Tutti gli ambienti sono organizzati, con piani cottura ampliati, due zone lavaggio differenziate e separate: per le stoviglie da un lato e per i cibi dall’altro.

ITALIA, LIGNUM ET LAPIS, FRAME SYSTEM

Uno spazio che diventa architettura, nel progetto di una cucina professionale, che si collega al living. Gli strumenti e le funzioni operative e conviviali delle due isole Italia in acciaio inox Vintage, dialogano con le eleganti pareti di contenimento laterali, chiuse da ante Lignum et Lapis, dal caratteristico e originale disegno, in frassino nero opaco NTF. La boiserie a tutta altezza accoglie al centro, da un lato la cantina refrigerata Vina, dall’altro un’ inedita proposta di doppia anta del Sistema Frame integrata, che si apre sulla zona pranzo, dove continua la boiserie e dove diventa protagonista, all’interno della parete di contenimento, il mobile Madia, con ante in vetro ad apertura complanare, con interni in fossil oak.

I pannelli, di quattro dimensioni (32, 64, 96 e 128 cm), consentono di progettare in totale libertà grazie alla modularità a passo 32 cm. La realizzazione della boiserie, sempre su misura, è consentita fino all’altezza massima di 389,4 cm. I traversi orizzontali, posizionabili a piacere a passo 16 cm, assicurano infinite possibilità estetiche e massima qualità funzionale.

La struttura portante in alluminio estruso è disponibile nei 38 colori della collezione Ecolorsystem realizzata esclusivamente con vernici ad acqua di ultima generazione, ecologiche e prive di sostanze nocive. Completa il sistema un’illuminazione continua a led inferiore e superiore.